La Commissione europea accoglie con favore le nuove norme che migliorano la riscossione dell'IVA sulle vendite online.

Stampa

La Commissione europea ha espresso soddisfazione per l’Accordo raggiunto dagli Stati membri dell'Ue sulle misure dettagliate necessarie a semplificare le norme sull'IVA per le vendite online e che garantiscono, allo stesso tempo, che i mercati online svolgano il proprio ruolo nella lotta contro le frodi fiscali.

Le nuove norme appena concordate garantiranno una introduzione fluida delle nuove misure in materia di IVA per il commercio elettronico concordate nel Dicembre 2017 e destinate ad entrare in vigore nel Gennaio 2021. Esse dovrebbero altresì aiutare gli Stati membri a recuperare i 5 miliardi di Euro di introiti fiscali persi nel settore ogni anno, una cifra destinata a raggiungere i 7 miliardi di Euro entro il 2020. I Ministri degli Affari Economici e Finanziari dell'Ue hanno preso la decisione durante la riunione del 12 Marzo 2019 a Bruxelles.

A questo proposito Pierre Moscovici, Commissario Ue per gli Affari Economici e Finanziari, la Fiscalità e l’Unione Doganale, ha dichiarato:"Stiamo gradualmente colmando i divari che comportano la perdita di entrate fiscali, fatto che priva gli Stati membri di fondi che potrebbero essere impiegati per i servizi e gli investimenti pubblici...nello stesso tempo stiamo adeguando le norme in materia di IVA alle esigenze del 21° secolo e della sua economia digitale e globalizzata...

...le imprese potranno contare su una transizione senza soluzione di continuità verso il più ampio sistema dell'IVA per il commercio elettronico nel 2021".

Nb:Per visionare il testo integrale consultare il link sottostante.

Link:

https://ec.europa.eu/italy/news/20190312_UE_nuove_norme_riscossione_IVA_vendite_online_it

Fonte:

Commissione europea – Rappresentanza in Italia.