L’Agenda economica e l’immigrazione saranno le priorità dell’Italia nel semestre di presidenza Ue.

L'incipit dell'Agenda per i prossimi sei mesi a guida italiana dell'Unione europea è chiaro.Un nuovo inizio e una volontà totalmente innovativa sono indispensabili se vogliamo dare nuovo slancio al progetto europeo.L’Italia in questo semestre è determinata ad imprimere la svolta per fare uscire l'Europa dalle risacche della crisi e guardare finalmente al futuro,tornando a parlare ai cittadini. Molte saranno le aree d'azione su cui il governo intende lavorare nei prossimi sei mesi,dalle politiche economiche all'immigrazione, dalla politica estera all'energia, dall'industria e competitività all'agenda digitale

Di seguito il programma che sarà attuato:

-Una nuova Agenda Economica basata su riforme strutturali e investimenti per la crescita e l'occupazione,in cui gli sforzi verso riforme serie e di ampia portata dovrebbero essere incoraggiati e sostenuti da adeguati incentivi.L'Italia mira inoltre ad un rafforzamento del coordinamento delle politiche economiche per massimizzarne le reciproche ricadute positive. Inoltre verrà sostenuta l'attuazione della Strategia per l'occupazione e della Garanzia Giovani;

-Immigrazione e solidarietà,poichè è vitale proseguire gli sforzi per l'ulteriore sviluppo della gestione integrata delle frontiere europee.L'Italia intende poi promuovere l'attuazione del Sistema europeo comune di asilo, lavorare sulla questione del reciproco riconoscimento delle decisioni nazionali in materia di protezione internazionale e promuovere un'effettiva solidarietà a livello europeo;

-Ruolo chiave europeo nel mondo:”Lo scopo della Presidenza italiana è di accrescere il ruolo dell'Unione europea come attore chiave sulla scena internazionale, aumentando l'influenza ai confini e in particolare nell'area mediterranea, e promuovendo un approccio globale in cui l'Alto Rappresentante riceva sostegno nella definizione di una politica estera europea efficace”;

-Industria,competitività e digitale:”Migliorare la competitività industriale sarà una delle attività prioritarie della Presidenza,che intende delineare un quadro che comprenda sistematicamente il “Rinascimento Industriale” in tutte le politiche che incidono sulla competitività. Centrale sarà anche la definizione di una nuova Agenda Digitale per l'Unione europea”;

-Energia e clima:

Quattro le priorità italiane:

-Il quadro 2030;

-La sicurezza energetica con la diversificazione delle fonti e delle rotte;

-Il completamento del mercato interno dell'energia;

-La dimensione esterna della politica energetica.

Tenendo in considerazione,in tutti i campi,dell'impatto sui prezzi dell'energia e sulla competitività industriale.

philoxenia

 

 

 

latuaeu
scn

 

ASSOCIAZIONE EUROKOM - Sede Legale: Via Cavour 4, 89040 Gerace (RC) - Sede Operativa: Palazzo Amaduri - Gioiosa Jonica (RC)
Servizio: Europe Direct "Calabria&Europa" Palazzo Amaduri - Piazza Cinque Martiri Gioiosa Jonica (RC)
Tel. - Fax.: 00 39 0964 1901574 Email: associazioneeurokom@tiscali.it
Sito realizzato con il Finanziamento della Commmissione Europea - Rappresentanza in Italia

15291469
Oggi
Ieri
Questa settimana
Serttimana precedente
Questo mese
Mese precedente
Totali
740
11901
58402
7260378
198144
336874
15291469

Il tuo IP: 34.200.236.68
19-09-2020 01:33
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta