Bruxelles ha deferito l'Italia alla Corte di Giustizia europea per non avere recuperato,come ingiunto nel 2012, gli aiuti di stato illegali concessi a Sea Handling.

Bruxelles ha deferito l'Italia alla Corte di Giustizia europea per non avere recuperato,come ingiunto nel 2012, gli aiuti di Stato illegali concessi a Sea Handling.Secondo la Commissione europea i 360 milioni di Euro concessi tra il 2002 e il 2010 da Sea,alla controllata Sea Handling sono incompatibili con le norme europee.

Nel Giugno 2010,a seguito di una denuncia, Bx aveva avviato un indagine approfondita su una serie di apporti di capitale effettuati da Sea,senza preventiva notifica alla Commissione tra il 2002 e il 2010 a favore della sua controllata Sea Handling. Dalla stessa è emerso che non sono stati effettuati a condizioni di mercato fornendo quindi a Sea Handling un vantaggio indebito rispetto alla concorrenza, oltre a violare le norme europee in materia di aiuti di Stato per le imprese in difficoltà finanziaria.

La Commissione aveva quindi ingiunto di recuperare gli aiuti all'Italia,che pur disponendo di quattro mesi di tempo per farlo,ad oggi,a distanza di un anno e mezzo,non si è visto il rimborso di alcun importo.Nel Marzo dell'anno scorso l'Italia, Sea Handling e il Comune di Milano hanno chiesto al Tribunale europeo di sospendere la decisione del 2012 della Commissione, ma lo stesso ha respinto la domanda di provvedimenti cautelari nel Luglio 2013 e in ogni caso il ricorso non sospende l'obbligo per lo Stato membro di recuperare l'aiuto ritenuto incompatibile. Lo scorso 9 Luglio,inoltre,Bx ha avviato un altra indagine approfondita per valutare se un apporto di capitale pari a 25 milioni di Euro effettuato da Sea a favore della sua nuova controllata incaricata della gestione dei servizi a terra, Airport Handling, fosse compatibile con le norme europee sugli aiuti di Stato.

In base al parere preliminare espresso dalla Commissione europea,la finalità e il risultato della costituzione della nuova Società sono in realtà quelli di evitare la restituzione dell'aiuto di Stato incompatibile concesso a Sea Handling, di cui Airport Handling può essere considerata il successore economico.

philoxenia

 

 

 

latuaeu
scn

 

ASSOCIAZIONE EUROKOM - Sede Legale: Via Cavour 4, 89040 Gerace (RC) - Sede Operativa: Palazzo Amaduri - Gioiosa Jonica (RC)
Servizio: Europe Direct "Calabria&Europa" Palazzo Amaduri - Piazza Cinque Martiri Gioiosa Jonica (RC)
Tel. - Fax.: 00 39 0964 1901574 Email: associazioneeurokom@tiscali.it
Sito realizzato con il Finanziamento della Commmissione Europea - Rappresentanza in Italia

15292018
Oggi
Ieri
Questa settimana
Serttimana precedente
Questo mese
Mese precedente
Totali
1289
11901
58951
7260378
198693
336874
15292018

Il tuo IP: 34.200.236.68
19-09-2020 02:13
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta