#UEverofalso:"La soluzione è far uscire l'Italia dalla politica di coesione dell'Unione europea".Sarà vero?

Secondo il Fatto Quotidiano di oggi (articolo di Carlo Di Foggia a p. 5), visto il tasso di cofinanziamento degli investimenti strutturali al 50%, l'Italia dovrebbe smettere di contribuire al bilancio dell'UE e lasciare i soldi "a casa", ottenendo lo stesso effetto a costo zero. L'autore dell'articolo sembra però dimenticare che il tasso di finanziamento è variabile e nelle regioni nel Mezzogiorno è del 25%. In secondo luogo, lasciare questi soldi a casa non darebbe ai cittadini nessuna garanzia che queste risorse fossero impiegate per investire in risorse umane, nelle piccole e medie imprese, nei servizi di base, o nelle infrastrutture. Inoltre, ri-nazionalizzare i fondi strutturali non risolverebbe in alcun modo le carenze amministrative, anzi verrebbe a mancare quella disciplina imposta dall'UE che ha permesso di rivelare quei problemi e di iniziare a risolverli.

Per quanto riguarda in particolare gli investimenti in risorse umane, nell'articolo citato si afferma che la maggior parte dei fondi strutturali deriva dal Fondo sociale europeo. Si tratta di un'affermazione contraria ai fatti:"Nel periodo 2007-2013 i fondi stanziati per l'Italia ammontavano a circa 29 miliardi di Euro, di cui solo 7 a titolo del Fondo sociale europeo e il resto (oltre 20 miliardi) a titolo del Fondo europeo di sviluppo regionale".

Non si può pensare, in una congiuntura come quella attuale, che i problemi italiani si possano risolvere eliminando la politica di coesione per l'Italia, operazione che peraltro sarebbe contraria agli accordi appena sottoscritti in sede europea. Se per ipotesi l’Italia rinunciasse ai fondi che il bilancio UE le riconosce a titolo della politica di coesione, il suo saldo netto in realtà peggiorerebbe, visto che le risorse dei fondi strutturali che l'Italia riceve contribuiscono a ridurre in maniera significativa il saldo italiano verso il bilancio europeo. Inoltre, a meno di non annullare le politiche europee, l'Italia dovrebbe comunque continuare a contribuire agli interventi dei fondi strutturali negli altri paesi europei, che non sono tenuti ad accettare le conseguenze della decisione unilaterale di un unico solo Stato membro.

Il "non dateli più" di Grillo significa rischiare di sottrarre risorse troppo preziose. Se si vuole evitare che nell'attuazione dei progetti i fondi europei siano gestiti male o finiscano – cosa del resto molto rara - in cattive mani, la risposta si può trovare proprio sulla Rete. I cittadini, sempre al centro dei discorsi del comico genovese, possono essere "cittadini attivi" consultando il portale Open Coesione, che consente di conoscere tutti i dati relativi ai progetti finanziati. "Segui, scopri, sollecita" è l'incitamento che appare su Open Coesione, un modo sano per incidere positivamente sulla trasparenza nella spesa dei fondi strutturali e, di conseguenza, per migliorare la qualità nell'impiego dei fondi UE.

Per maggiori informazioni:

Politica Regionale - Inforegio

#UEverofalso: la gestione dei fondi strutturali Ue in Italia è fuori controllo. Sarà vero?

Report Olaf 2013 

Fonte:Commissione europea - Rappresentanza in Italia.

philoxenia

 

 

 

latuaeu
scn

 

ASSOCIAZIONE EUROKOM - Sede Legale: Via Cavour 4, 89040 Gerace (RC) - Sede Operativa: Palazzo Amaduri - Gioiosa Jonica (RC)
Servizio: Europe Direct "Calabria&Europa" Palazzo Amaduri - Piazza Cinque Martiri Gioiosa Jonica (RC)
Tel. - Fax.: 00 39 0964 1901574 Email: associazioneeurokom@tiscali.it
Sito realizzato con il Finanziamento della Commmissione Europea - Rappresentanza in Italia

16197591
Oggi
Ieri
Questa settimana
Serttimana precedente
Questo mese
Mese precedente
Totali
8069
13355
34553
8184096
251651
489027
16197591

Il tuo IP: 34.200.252.156
25-11-2020 14:01

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.